Nuovo sito finalmente online!

Come promesso, la ex redazione di Basketnet non ha perso tempo: dopo essere ripartita a tempo di record con Aspettando Daily Basket, è da oggi on-line www.dailybasket.it, il nuovo portale di riferimento per gli amanti della pallacanestro italiana e straniera di tutti i livelli e di tutte le categorie. Notizie, cronache, mercato, approfondimenti, analisi, interviste, immagini, video, editoriali ill…ustri: tutto questo e molto altro sarà da oggi in poi a disposizione dei lettori su DailyBasket, con il filo conduttore della professionalità e della competenza di una redazione che, se ci viene perdonato un piccolo atto di immodestia, ha fatto la storia del giornalismo cestistico on-line e collaborazioni prestigiose con noti addetti ai lavori quali Geri De Rosa, Claudia Angiolini, Paola Ellisse e Giorgio Valli, solo per citare coloro che hanno voluto sposare fin da subito la causa di DailyBasket.

Ogni ulteriore presentazione, però, sarebbe superflua: invitiamo tutti gli appassionati e gli addetti ai lavori a visitare il nostro sito con la speranza che possa diventare “il vostro basket quotidiano”.

Pubblicato in Primo Piano | Lascia un commento

Siena a Lubiana conquista la qualificazione alle Top 16

Siena a Lubiana per conquistare la qualificazione alle Top 16.
Pianigiani parte con un quintetto un pó inedito, accanto ai soliti Moss, McCalleb e Stonerook mette Rakocevic e Lechthaler.
Filipovski parte con Capin, Muric, Green, Marcota e Varda.

Nel primo quarto partenza forte di Siena, che in pochi minuti, piazza un parziale di 10 a 0 grazie a Moss e McCalleb. Poi Lubiana inizia a prendere confidenza con la partita e Varda e Green riportano la propria squadra a meno 4.  Siena orfana di Kaukenas (fuori per un grave problema al ginocchio) e Lavrinovic riesce fin dall’inizio a tenere il ritmo della partita concludendo il primo quarti sul 21-15.

Nel secondo quarto si rivede in campo McCalleb, che era uscito subito dopo l’inizio del primo quarto per un colpo al volto. Nonostante il suo rientro Lubiana entra in campo molto determinata che con Thompson e Salin si riporta in parità dopo soli due minuti giocati nel corso del secondo quarto sul 21 pari. Siena molto fallosa e discutibile per le scelte fatte in difesa, dopo soli quattro minuti concede il bonus a Lubiana che quindi ad ogni fischio vola in lunetta, nel corso del secondo quarto Lubiana segna 13 punti, contro i 5 segnati dai Biancoverdi. Questo parziale significa vantaggio Lubiana a tre minuti dall’intervallo lungo, Pianigiani non ci sta e rimette in campo Rakocevic, che segna una bomba importantissima per riguadagnare il vantaggio, e Moss autore di un buonissimo inizio di partita e di una tripla che mantiene Siena in vantaggio alla fine del secondo quarto (33-37).

Nel terzo quarto Siena ritrova la concentrazione che sembrava persa nel corso del secondo quarto. Pianigiani trova delle soluzione importanti da Rakocevic che a metà del terzo quarto risulta essere il miglior marcatore con 12 punti. Siena trova dei buoni passaggi e grazie anche a qualche errore in attacco di Lubiana conclude il terzo quarto avanti di quattro punti 49-53.

Il quarto ed ultimo quarto vede in campo i quintetti iniziali che avevano proposto Pianigiani e Filipovski. Lubiana, sostenuta dal suo pubblico riesce a rimanere attaccata alla partita e canestro dopo canestro trova la parità sul 55 pari ma in un momento, circa due minuti, di scelte discutibili da parte delle due squadre Siena, con un grande canestro di Carraretto riconquista il vantaggio 59-54. Finale di partita concitato, dove Siena trova punti preziosi dalla lunetta con McCalleb e Rakocevic (miglior realizzatore per Siena) e chiude la pratica Lubiana con una vittoria importante 63-57 che significa matematica qualificazione alle Top 16.

Il migliore: Igor Rakocevic, esordisce con Siena nella partita di andata proprio contro Lubiana, un mese dopo è miglior realizzatore proprio contro quella squadra… Trascina Siena, insieme a Moss, alla vittoria e alla conquista della Top 16.

Il peggiore: Ratko Varda. Non trova il canestro e, nonostante si trovi davanti anche Lechthaler, non proprio un lungo sostanzioso, non riesce a fare niente.

Pubblicato in Coppe Europee, Primo Piano | Lascia un commento

Jesi – Parla il Sindaco

Il Sindaco: “PalaTriccoli inagibile? Ingiusto allarmismo”

In merito alla notizia apparsa oggi sul quotidiano “Il Resto del Carlino – edizione di Ancona” circa una presunta inagibilità del palasport Ezio Triccoli di Jesi in occasione della gara di campionato contro la Sigma Barcellona Pozzo di Gotto, il sindaco Fabiano Belcecchi è intervenuto direttamente per smentire categoricamente l’infondata voce, sgombrando il campo dai dubbi sulla non possibilità di disputare la partita contro la forte compagine siciliana. Con l’occasione il Primo cittadino di Jesi ed ex giocatore aurorino ha anche rimarcato che, come sempre, sarà sempre al suo posto in curva (da dove da anni segue i match casalinghi della Fileni Bpa) e porterà la solidarietà di tutta la città, alla quale si unirà l’Aurora, alla città di Barcellona P.d.G., che in questi giorni è stata pesantemente colpita dal dramma dell’alluvione. Ecco il comunicato diramato in tarda mattinata dall’Ufficio Stampa del Comune di Jesi: 

La gara tra Fileni Jesi e Sigma Barcellona Pozzo di Gotto si svolgerà regolarmente domenica mattina al palazzetto dello sport “Ezio Triccoli” ed io sarò come sempre al mio solito posto in curva per sostenere Maggioli e compagni. L’occasione mi permetterà anche di esprimere la piena solidarietà di Jesi alla società ospite, la cui città è stata drammaticamente colpita in questi giorni dalle alluvioni.

La mia presenza sarà utile inoltre per rinnovare l’affetto all’Aurora basket che continua a subire danni di immagine, oltre che economici, per questo continuo stillicidio di notizie sulla presunta inagibilità del Palatriccoli.

Al riguardo ricordo che ho già firmato il 13 settembre scorso un’ordinanza con la quale autorizzo l’utilizzo del palazzetto dello sport “Ezio Triccoli” per 120 giorni nelle more della conclusione dell’iter di rilascio del certificato prevenzione incendi. Tale misura è stata assunta nella piena consapevolezza che le misure e gli impianti di sicurezza del palazzetto dello sport sono comunque presenti, efficienti ed adeguati ad una capiena di 3.500 spettatori.

Entro la scadenza dei predetti giorni, il Servizio opere pubbliche del Comune di Jesi completerà tutti quei modesti interventi di adeguamento alle norme di legge che consentiranno il rilascio del certificato mancante, con il quale saranno definitivamente risolti tutti i problemi.

Al fine di non ingenerare un inutile ed ingiustificato allarmismo tra i fruitori del palazzetto dello sport, si ricorda che gli interventi che si andranno a realizzare consistono principalmente nell’integrazione delle luci di emergenza, nell’integrazione del sistema di diffusione dell’allarme sonoro, nella rimozione di alcuni materiali potenzialmente infiammabili nelle palestre più piccole (es. i cuscini non ignifughi per il salto in lungo)“.

Pubblicato in Legadue | Lascia un commento

Una Givova Scafati incerottata mette sotto anche la Tenazis Verona

GIVOVA SCAFATI BASKET 83 – TEZENIS VERONA 70
(18 – 11; 42 – 32; 65 – 51; 83 – 70)

La Givova Scafati nonostante il bollettino medico, mette sotto gli Scaligeri di coach Martelossi con una partita da manuale.
I veronesi erano venuti a Scafati forti del ruolino di marcia che annotava 3 vittorie nelle ultime 4 gare giocate.
Come ha detto coach Mortelossi, “per Verona è stata una partita strana, niente fatto bene e niente fatto particolarmente male, il problema è che non è sufficiente giocare in quel modo per avere speranze di vincere a Scafati”.

I due coach alla palla a due schierano i Ioro quintetti migliori: Casini,Levin, Radulovic, Thomas e Marigney per Griccioli e West, Porta, Boscagin, Renzi ed Edwards per Mortelossi.

Il primo quarto inizia con un canestro di West dopo la conquista del primo pallone da parte di Edwards.
E’ quello l’unico vantaggio di Verona in tutta la partita.
Il collettivo di Scafati gioca certamente meglio degli Scaligeri che iscrivono solo tre uomini a referto nei primi 10 minuti.
Marigney guida i giallo-blè Scafatesi al primo consistente vantaggio ed il quarto finisce col risultato di 18 a 11.

Nei secondi 10 minuti la musica non cambia, la Givova Scafati gioca a memoria mentre dall’altra parte solo Edwards (16 punti all’intervallo lungo), West e Vukcevic tengono a galla la Tezenis Verona.
I veronesi tirano 32 volte realizzando solo 10 canestri ( 32% da 2 e 29% da 3) mentre gli Scafatesi realizzano 16 canestri sui 28 tentativi effettuati ( 53% da 2 e 67% da 3).
La sirena di metà gara vede gli uomini di Griccioli avanti di 10 punti col risultato fermo sul 42 a 32.

La terza frazione di gioco inizia con un’infrazione di 24 secondi per parte ma un’accellerata da parte di Radulovic, Marigney e Thomas , che dominano in lungo ed in largo la partita, mette lo scompiglio tra gli uomini di Martelossi.
Il vantaggio si dilata arrivando a fine frazione a +14 sul 65 a 51.

Nel quarto finale il pur claudicante Thomas combatte come un leone e gli uomini di Martelossi sono costretti a commettere 4 falli consecutivi per cercare di limitarlo ma, stasera Thomas è irresistibile e con una schiacciata poderosa mette la ciliegina sulla sua prestazione e fa capire a tutti che aria tira.
A 2 minuti e mezzo dalla fine, i Veronesi però si riavvicinano ed arrivano fino a -8.
Qui entra in scena Levin, che fino a quel momento era stato un po’ in ombra: incursione con arresto e tiro dalla linea dei tiri liberi e gestione impeccabile dei minuti finali.
Alla sirena finale il tabellone segna 83 a 70 per la Givova Scafati.

La squadra di Griccioli mantiene la sua imbattibilità casalinga e forse gioca la sua partita migliore perché è stata sempre accorta, non ha mai avuto sbandamenti o quelle distrazioni che avevano compromesso alcuni incontri.
Il coach Scafatese a fine gara si è detto molto soddisfatto della prova dei suoi ed ha detto che spera di recuperare tutti i suoi uomini per giocarsi alla pari la prossima partita in quel di Ostuni contro una compagine letteralmente strapazzata a Barcellona e che avrà una grossa volontà di riscatto.

MVP dell’incontro: Nicola Radulovic , risponde sempre presente nei momenti cruciali.
ARBITRI : Roberto Materdomini di Taranto, Enrico Bartoli di Trieste e Dario Morelli di Brindisi.

Givova Scafati Basket 83:
Tiri liberi 14/18 – rimbalzi 34
Levin 5; Radulovic 16; Casini 5; Gueye 7; Guadagnola ; Thomas 18; Rosignoli 4; Marigney 24 ; Sorrentino 4- All. Griccioli

Tezenis Verona 70 :
Tiri liberi 18/20 – rimbalzi 29
Mario West 10; Porta Antonio 17; Di Giuliomaria 2; Boscagin 5; Banti ; Mariani ; Vukcevic 12; Renzi 8; Edwards 16- All. Martelossi

Pubblicato in Primo Piano | Lascia un commento

Napoli Basketball – FMC Ferentino: una prova del nove sul filo dell’emotività

Mai titolo fu forse più calzante per descrivere le premesse di questo nuovo ed entusiasmente capitolo della prima quanto incalzante avventura della Napoli Basketball targata BPMed. E non soltanto perchè si tratterà della 9a giornata di stagione  perchè, in caso di successo, verrebbe messa a segno la nona vittoria di fila in stagione, eguagliando così il record di vittorie consecutive più recente e spettante per la precisione al Basket  Trapani, che, guidata proprio da uno degli attuali alfieri gigliati (Ciccio Guarino), seppe inanellarle dalla 14a alla 22a giornata di quella scalpitante quanto paradossale regular season, visti gli effetti a posteriori.

La partita di dopodomani (Palabarbuto, ore 18) potrebbe anche costituire, qualora vittoria sia, il test definitivo per includere questa Napoli tutta umiltà, fatti e concretezza pura nel novero delle grandi di questa DNA, e senza più altri motivi che possano ancora relegarla al novero di outsider per quanto erede di una nobile e seguita tradizione.
Pensare ai 12 successi consecutivi di Venezia del 2008 (record assoluto per l’A Dilettanti)oppure ai 16 riportati da Soresina del 2006 (record assoluto in B d’Eccellenza) non può che stonare con un ragionamento che voglia essere il più possibile attento al reale e realistico nei suoi argomenti, ma le vittorie ci sono, maturano comunque nonostante le pecche e le difficoltà si registrino qua e là: pur non giocando in forme entusiasmente, questa squadra riesce sempre e con la distanza a far esaltare tutti i difetti degli avversari, stavolta nei tratti corrispondenti a quelli degli imberbi avversari rosso-blu: scarsa tenuta mentale,corte rotazioni, gioco sempre meno propositivo ed alto. C’è insomma un senso di storico che in ogni caso sta caratterizzando la stagione degli uomini di Bartocci e a cui nessuno dei bianco-azzurri vuole rinunciare, nonostante qualche volta la fredda carta possa decretare pollice verso.
Pubblicato in Primo Piano | Lascia un commento

Legadue: i pronostici di coach Gresta alla settima giornata

Quarto appuntamento con la nostra settimanale rubrica sui pronostici relativi alle gare dell’imminente turno.

Per la settima di andata abbiamo contattato Luigi Gresta ,classe 1971 per amici ed addetti ai lavori soprannominato  “Gigio”.

Continua a leggere

Pubblicato in Legadue, Primo Piano | Lascia un commento

Il Cska rinasce nella ripresa: rimonta e batte il Pana all’overtime

Viktor Khryapa

Il match tra Panathinaikos e Cska Mosca non ha deluso certamente le attese. Per risolvere questa autentica battaglia c’è voluto anche un tempo supplementare, e alla fine l’ha spuntata la squadra moscovita. Eppure i greci sono stati in vantaggio per gran parte della partita, e hanno giocato in maniera molto organizzata. L’idea di Obradovic è stata da subito quella di affidarsi ai propri lunghi, che il coach serbo ha fatto ben ruotare. I greci giocando vicino canestro hanno spesso costretto i russi al fallo, e cosi il Pana ha costruito il proprio vantaggio soprattutto dalla lunetta, tirando il doppio dei liberi del Cska. Coach Kazlauskas dopo aver dimenticato in panchina per tutto il primo tempo Shved e Kaun in panchina, li ha inseriti nella ripresa, e proprio loro insieme a Siskauskas e un Kirilenko trasformato dopo il brutto primo tempo, hanno permesso la gran rimonta. Entrambe le squadre arrivavano imbattute a questo incontro, ma dopo stasera lo rimane solo il Cska che balza quindi solitaria in vetta alla classifica del girone B, ma i greci sono sempre li proprio alle spalle dei moscoviti. Continua a leggere

Pubblicato in Coppe Europee, Eurolega | Lascia un commento